Camper e Giramondo Viaggi di gruppo in camper
per 5 continenti

www.camperisti.it - info@camperisti.it

Camper e Giramondo

camper gruppo
Viaggi estivi: Tunisia,
Marocco, Barcellona
Home
I nostri viaggi
Informazioni
Chi siamo
Viaggiatori

Germania est e Polonia ovest

OBIETTIVO: conoscere l’ ex germania dell’est e polonia dell’ovest

MEZZO: Camper CI Turistico 320 del 1990 Ford motore benzina/GPL con due piccoli gavoni esterni sul retro.

EQUIPAGGIO: Due pensionati Nadia e Sandro rispettivamente dal Friuli e dal Veneto

PERIODO: Luglio 2002

GPL: per chi ha il mezzo a GPL io ho informazioni utili sui distributori in germania ed in polonia (vedi INFORMAZIONI).

COSTI: Alla fine si riporta una tabella riassuntiva relativa a ogni giorno dove le spese sono ripartite in: carburante, market (spese e/o ristorante) , dormire (camping o parking), extra (musei, traghetti)

CAMBIO: Ho cambiato in polonia due volte. Al confine danno 3.7 zloti per 1 euro mentre nei cambi in città arrivi a 4 zloti per 1 euro

INFORMAZIONI: PRIANS@LIBERO.IT oppure sul sito HTTP://MEMBERS.XOOM.IT/SAPRI oppure HTTP://PRIAN.FREEWEB.SUPEREVA.IT in tale siti ci sono ulteriori informazioni soprattutto per quanto riguarda i distributori GPL all’estero In questa sede non dò tutti i dettagli per reperire i distributori.

 

 

2 LUGLIO 2002 MARTEDI

Partenza da Mantova verso le 10 del mattino. Si fa autostrada del brennero uscendo a bressanone sud per GPL all’ultimo distributore funzionante (quello di Vipiteno è chiuso da 2 anni). Approffittiamo per mangiare nel bel parcheggio dell’Eurospin 2 Km prima. Al confine facciamo il Ticket per l’autostrada austrica (8€ per 10 gg), non esiste il ticket per un solo giorno. Subito dopo si deve aggiungere 8€ per passare il ponte di Innsbruck. In pratica se aggiungi i 14€ di autostrada italiana abbiamo speso più di pedaggi che di carburante. Come noterete più avanti, se non avete urgenze si può facilmente bypassare tutte queste spese facendo la statale.

Alle 19.00 siamo a Monaco e come al solito ci perdiamo ripetutamente finche non raggiungo il ring2 (l’anello interno) allora mi oriento e vado a dormire in un P+R a nord vicino a una stazione metropolitana e vicino a Verdi strasse dove c’è uno dei 3 distributori GPL di Monaco

 

3 LUGLIO 2002 MERCOLEDI

Come previsto dormire in un P+R vicino alla metro implica svegliarsi alle 6.00 del mattino. Questo mi ha permesso di fare colazione con calma ed alle 8.30 fare GPL nel distributore di Via Verdi (attenzione che i pochissimi distributori GPL abbinati ai normali distributori di benzina spesso applicano prezzi maggiorati 0.77 €/lt)

Partenza immediata per DRESDA. Prendiamo l’autostrada (che in germania non si pagano) per BERLINO fino ad HOF dove lascio la bella autostrada per entrare in quella dell’ex DDR. Dico questo perché si nota la differenza. Eravamo abituati con Parking e WC ogni 10 chilometri, distributori più rari ma di una spaziosità incredibile. Qui invece è tutto un cantiere, ho notato un cantiere che si sviluppava su 50 Km circa con centinaia di macchine e migliaia di persone al lavoro.

Alle 18.00 arriviamo a DRESDA, stanchi, accaldati. Percorriamo il molo un paio di volte e decidiamo di dormire nella zona molo dove partono le navi turistiche per la escursione. Ci sono comunque altre zone parking sia libere che a pagamento.

4 LUGLIO 2002 GIOVEDI

Svegia tardiva, ero stanco, non sono abituato a fare 1000 Km in due giorni. Alle 10 siamo in città in due passi. Visitiamo subito il Duomo (HOFKIRCHE) molto spoglio ma di una architettura strana ed interessante con organo particolare. Visitata la piazza NEUMARKT, che è tutto un cantiere in quanto stanno ricostruinde la chiesa FRAUENKIRCHE che è il simbolo di DRESDA. Dalle foto pre guerra risulta favolosa bisognerà tornare dopo il 2006 per vederla finita. Si deve ammettere che palazzi distrutti nel ’45 sono ancora oggi in ricostruzione.

Ho visto un negozio di ceramiche e porcellane di MEISSEN, famosissime, ho anche notato che il costo di una tazzina con piattino è pari al mio budget per fare le ferie di questo Luglio.

Nel pomeriggio abbiamo ripreso la visita della citta che, in quanto a monumenti e palazzi, sembra una Praga in piccolo. L’unica differenza che, essendo stata notevolmente bombardata , sono stati ricostruiti solo i palazzi di una certa importanza mentre sulle aree restanti si sono costruiti palazzi nuovi ma di veste gradevole.

Si dorme sempre in riva al fiume ELBA tra il ponte CAROLE ed il ponte ALBERT assieme ad altri 5 camper.

5 LUGLIO 2002 VENERDI

Crocera sull’ELBA. Ce ne sono molte e tutte interessanti però abbiamo optato per una breve con visita al castello la: DRESDA – PILLNITR – DRESDA. Si tratta di un 90 m’ l’andata e 60 m’ il ritorno su battello a vapore spinto da ruote laterali. Partenza alle 10 per cui all’arrivo era già ora di panino e birra. Non si trattava di un castello ma di una doppia villa favolova in stile cinese neramente bella. (costi: 13+13 € il viaggio A/R ed 1.5+1.5 € l’ingresso alle ville) in pratica con 29 € abbiamo passato una bella giornata.

La villa è in riva la fiume, si visita e contiene oggetti rari del 700, molti dei quali provengono dalla Cina e dal Giappone. Bello anche il parco ben curato ma che abbiamo girato solo parzialmente per problemi di deambulazione.

Rientro alle 15.00 con sorpresa; dove abbiamo parcheggiato bisogna sgombrare perché ogni sabato si fa un mercatino di antiquariato.

Passa per caso un furgone gelati di un italiano. Ci consiglia di spostarsi al parcheggio fiera (MESSE) dove domani ci sarà un’altra mostra sempre di antiquariato ma la superfice è talmente grande che c’è posto per tutti.

In effetti il parcheggio sarà lungo 1 Km con 6 corsie di misto erba mattoni, di meglio non si poteva trovare.

NOTE SU CROCERE:

giro breve PALACE TOUR DRESDA – PILLNITR – DRESDA

prezzo: A/R 13 € solo A 8.5 €

orari andata: 10.00 12.00 14.00 16.00 (90 m’)

orari ritorno: 11.45 13.45 15.45 17.45 (60 m’)

giro lungo ELBE VALLEY LINE

prezzo. A/R 17 € solo A 17 €

orari andata 10.30 (arrivo alle 16.00)

orari ritorno 16.30 (arrivo alle 20.00)

NOTE SU DRESDA:

  • Non trovi una scritta in inglese manco a morire, ne sui musei ne sulle insegne pubbliche, ne sui parcheggi.
  • Non esitono camper service (ce ne è uno a pagamento tipo AA 8 Km a est) ed i campeggi non sono attrezzati per i camper.
  • Occhio al fondo stradale si passa frequentemente dall’asfalto al pavè con sconquasso del camper.
  • Non trovi fontane, probabilmente le hanno requisite, quindi chiedete ai distributori

6 LUGLIO 2002 SABATO

Prima operazione al mattino è la visita al mercatino di roba vecchia. Molti espositori viaggiano e trasportano oggetti con i camper per cui eravamo confusi tra loro. Spese fatte 3 calici per 3 €. A questi mercati compro sempre bicchieri, ho la casa piena. Torniamo in città per visitare il parco, risulta bello ed enorme, impostato nel 1600 con una bella villa, molte statue, teatro all’aperto e due laghetti. Il bello è un trenino a vapore reale che funziona a carbone in scala 1:3 ed una ferrovia che si sviluppa per 7 km girando il parco il tutto gestito da bambini dai 10 ai 15 anni. Il giro completo (3.2+3.2€) consente di visitare il parco scendendo alle varie fermate, per chi ha bambini c’è pure lo zoo.

Si decide, nel pomeriggio di costeggiare il fiume ELBA fino alla cecoslovacchia. Avevo letto in un articolo di Bell’Europa (n.26 Giugno 95) che ci sono due parchi nazionali con rocce e montagne strane, la zona è chiamata la Svizzera Sassone.

Risaliamo l’ELBA passando per PILLNITZ, PIRNA, KONICSTEIN (con visita al castello e parcheggio a pagamento 0.5€/h) fino a BADSCHANDAW, paesino turistico con molti parcheggi a pagamento sempre a 0.5€/h però in quelli ove è prevista la sosta 24 ore il prezzo è 3€/24h

Lasciamo BADSCHANDAW per entrare nel parco (national Park Sachsische Schweiz)dalla parte più a sud. Una strada di montagna che costeggia un torrente verso HINTHERMSDORF. Passiamo il campeggio (non adatto ai camper, acqua irraggiungibile e scarichi inesistenti) e ci fermiamo a metà strada in uno dei tanti parcheggi da dove partono i sentieri di montagna. Ne scegliamo uno con vicino un ristorante si paga 3 € per 24 ore. Prima del buio facciamo una salutare passegiata tra i sentieri e devo ammettere che le rocce che ci circondano hanno un aspetto inquietante sono grandi massi sovvrapposti in equilibrio precario di colore nero, con un umido che fa crescere muschio dappertutto.

 

7 LUGLIO 2002 DOMENICA

Ottima dormita al fresco con pioggia notturna. Oggi dedichiamo l’intera giornata alla montagna ed ai paesini caratteristici della zona.

Partiamo per HINTERMSDORF dove troviamo un secondo campeggio non segnalato. Torniamo un po’ indietro ed andiamo a OTTENDORF e poi a SEBNITZ dove, per fortuna, troviamo benzina pur essendo domenica. Da qui ci spostiamo verso HOHNSTEIN per raggiungere la rinomata postazione di BASTEI ben segnalata in zona.

Si tratta di un belvedere con camminata tra le torri di roccia enormi con vista sull’ELBA a quota 300 mt. Si tratta di una vecchia palestra di roccia (free climber) usata come tale già nel 1780 ed ancora oggi usata con certi vincoli, le torri di roccia arenaria modellate dal vento che superano i 150 metri.

Ottimo il parcheggio per camper 2 €, per dormire preferiamo spostarci in riva all’ELBA a PIRNA zona COPIZ (sulla riva destra) al parcheggio gratis N.7.

8 LUGLIO 2002 LUNEDI

L’obbiettivo di oggi è LIPSIA. Ritorniamo a DRESDA per fare GPL.

In THARANTER Str.89 non esiste più (cancellatelo dai portolani), ci spostiamo verso l’aereoporto a nord (Str.97) per cercare il secondo in KOHLENPLATZ. Sul vialone che fiancheggia la ferrovia (che è a sinistra) girare a destra al primo semaforo prima di iniziare il cavalcavia a 100 mt si vede l’insegna TYCZKA(GPL a 0.56 €/lt)

Ci spostiamo lungo la ss.6 per andare a MEISSEN il famoso paese delle porcellane più che costose. Paesetto classico con cattedrale e castello. La cattedrale molto spoglia cio nonostante ho dovuto pagare (2+2€) per entrare. Ne vale la pena se suonano l’organo, cosa che succede frequentemente. Da MEISSEN dove mangiamo in riva al fiume, sotto un gigantesco albero, procediamo per LIPSIA.

A differenza di DRESDA, la periferia non è bella. Molti palazzi abbandonati, molto disordine, comunque attraversiamo la citta puntando sul VOLKERSCHLACHTDENMAL (provate a pronunciarlo) il contestato, ma famoso, monumento alla memoria costruito nel 1900 per commemorare la battaglia di LIPSIA che segnò il tramonto del sogno napoleonico e la conferma del neo nato impero tedesco (vedi bell’Europa n.19 nov.1994).

Il monumento è grandioso, nel senso che le statue stilizzate (come tipico di quel periodo) raggiungono anche i 10 mt di altezza.

Ritorniamo in centro e giriamo LIPSIA in camper fermandoci ogni tanto. Mastodontica la stazione ferrroviaria, più grossa di quella di Milano.

Fa caldo e cerchiamo un campeggio per fare una di quelle doccie senza fine e lo troviamo a 10 Km a ovest verso HALL.

Bello, ben organizzato, bei servizi a 16 €, piazzole numerate e luce con contatore

9 LUGLIO 2002 MARTDI

Giorno di assoluto riposo. Fa tanto caldo quindi tante docce

10 LUGLIO 2002 MERCOLEDI

Partenza da LIPSIA con un caldo afoso con obbiettivo POSTDAM.

Dalla ss.6 LIPSIA – HALL prendiamo l’autostrada per BERLINO. Lasciamo l’autostrada un paio di uscite prima di POSTDAM per poter costeggiare i laghi (SCHWIELOWSEE e TEMPLINERSEE) a sud di POSTDAM.

La stradina, tra bosco fitto e laghi va da FERCH a sud, CAPUT al centro, fino a POSTDAM a nord.

Ci fermiamo nel bosco per mangiare all’ombra e verso le 3 ripartiamo con obiettivo il grande parco SANSSOUCI.

Si tratta di un grande parco da 290 ettari con ville grandiose da visitare una delle quali si chiama proprio SANSSOUCI (letteralmente senza preoccupazioni).

Il parco è servito da ottimo ed ampi parcheggi anche notturni, ci fermiamo al primo (Park n.3) anche perché ci sono altri camper, costo 2.5€.

Il parco si sviluppa da est ad ovest con un viale di circa 3 Km, io ho parcheggiato a est ed ovviamente la villa che mi interessava (sanssouci) è a ovest. Lunga passeggiata per arrivare davanti alla villa alle 17.00, classica ora di chiusura. Ritorno deluso in camper con un caldo bestiale per fare mezza doccia. Per fortuna alla sera piove, ma piove in modo anche esagerato con una calo violento di temperatura di almeno 10 gradi e rottura di parecchi alberi.

11 LUGLIO 2002 GIOVEDI

Dormito bene nel parcheggio P.3 del parco. Alle 10. visita del Neues Palais (del 1760) che è il più grosso del parco ed il più vicino a dove avevamo parcheggiato. Si visitano circa 20 delle 300 sale ma è sufficiente per capire la stravaganza del stile barocco di quel periodo. Ci sono 428 statue che adornano i cornicioni del palazzo in scala 1:2 . interessante la sala tapezzata da conchiglie e minerali. Ho visto almeno 5 quadri di VanDic e molti altri italiani.

Dopo mangiato ci spostiamo a ovest dalla parte opposta del parco nel pacheggio P.1 ancora più grande del precedente con area per camper e corriere al costo di 2.5€/g.

Da questo Park.1 è facile raggiungere sia il palazzo SANSSOUCI che non ho visitato perché volevano 8 € con guida in tedesco mentre 2 € senza guida ma questo solo alla domenica. Sono andato a visitare il palazzo a fianco BILDERGALLERY che è un palazzo trasformato in pinacoteca con 130 quadri tra il 1580 ed il 1700 tra cui almeno 30 di Rubens e 10 di Van Dick ed anche un Caravaggio. Al di la dei quadri, bellissima la pavimentazione in marmo e la cupola centrale.

Proseguendo nel parco abbiamo visitato la casa Cinese. Si tratta di una sala da te in stile cinese con molte statue d’orate a grandezza naturale che rappresentano scene di vita orientale.

Attraversato il parco abbiamo visitato il giardino siciliano e poi siamo usciti verso il camper abbastanza stanchi (non abbiamo una gran tenuta fisita … ora .. ma 30 anni fa…)

Dormiamo nell’ottimo parcheggio Park.1 di POSTDAM

NOTE SUL COSTO BIGLETTI PER LA VISITA ALLE VILLE

Neues Palais 5 €

Sanssouci 6 €

Palazzo Cinese 1 €

Bilder Gallery 2 €

Ticket family 20 € (2 ad. +3 bam) molto conveniente

Ticket daily 15 €

 

12 LUGLIO 2002 VENERDI

Si parte da POSTDAM per BERLINO, circa 20 Km. Per prima cerchiamo GPL, ce ne sono 2. Il promo in via SOPHIE-CHARLOTTE n.5 piano piano ci arrivo e mio trovo in una zona residenziale di fronte a una bella villetta il cui proprietario mi spiega che il distributore è in via SOPHIE-CHARLOTTEN n.5 sembrano uguali i nomi ma c’è una N di differenza. Opto per il secondo distributore in GRADE str. N.74. E’ centrale ed è facile da trovare. Trovo GPL a 0.59€/lt.

Mi sposto al centro verso la torre della TELECOM alta e slanciata quindi si nota da lontano. Attenzione che tutti i parcheggi dichiarati un paio di anni fa non esistono più, è comunque facile trovare parcheggio anche in centro, basta pagare 1€/h.

Ci fermiamo per mangiare e poi fare un giro in MUHLENDAMM GRUNER Str. Dietro al RATHAUS (comune) vicino alla NIKOLAI KIRK. In quel punto la strada, gia larga si allarga ulteriormente e si parcheggia al centro. Abbiamo visitato il BERLINER DOM alcuni bei palazzi poi il COMUNE, il parco MARX la fontana di NETTUNO e la torre TELECOM. Nel tardo pomeriggio ci spostiamo in un parcheggio per corriere e camion abbastanza centrale in ALEXANDER Str.. Venendo da ALEXANDER PLAZE (e dalla stazione ferroviaria di Alexandr plaze) il terzo parcheggio a destra. Ci sono altri camper alcuni rimorchi di camion, c’è ombra non si paga l’unico inconveniente è il traffico.

13 LUGLIO 2002 SABATO

Come previsto si è dormito poco per il rumore, questi parcheggi sono comodi per visitare la città ma non per dormire. Alle 10 giro in barca di 1 ora (8+8€) interessante, non per i palazzi o i monumenti ma per vedere i cantieri di lavoro ed i lavori impressionanti che stanno facendo. Impressionanti per la mole dei fabbricati in costruzione tra cui una stazione ferroviaria penso la LEHERT STADBF che in pratica, nei suoi vari livelli, parte da 30 mt sotto il livello del fiume che stiamo navigando. Per mezzogiorno rientramo in camper per spostarlo all’ombra poi giriamo per BERLINO direttamente in camper, cosa possibile in quanto è facile parcheggiare. Siamo un po’ impediti dalla LOVE PARADE (una volta all’anno in luglio si riuniscono 1 milione di ragazzi al ritmo di musica tecno girando attorno alla colonna vittoria).

Arriviamo a CHARLOTTENBURG (è un quartiere a nord est) in tempo per visitare il castello (5+5€) .

All’uscita troviamo altri italiani, quattro chiacchere ed è ora di mangiare.

Dormiamo nel parcheggio del castello pieno di ragazzi che andavano alla festa

14 LUGLIO 2002 DOMENICA

Dormito a suon di musica che ha imperversato per tutta la notte se lo avessi saputo sarei ritornato ai favolosi parcheggi di POSTDAM.

Al mattino piccolo giro a piedi per CHARLOTTEBURG poi ancora in giro per BERLINO per vedere la porta di brandeburgo (che era in restauro) e la colonna della vittoria la cui piazza era in piena pulizia del dopo festa.

Partenza via autostrada per ROSTOCK (sono 230 Km). Non facciamo tutta autostrada, alcuni tratti usciamo per vedere vari paesi piccoli di campagna. Il contrasto con BERLINO è enorme. I paesini assomigliano molto ai paesini dell’ est (Ungheria, Cecoslovacchia, ecc..) visti in passato. Larghe strade che attraversano il paese con grandi fasce laterali di erba con fosso, piccole case basse con staccionate in legna. A differenza di 10 anni fa si nota che alcuni paesi hanno trasformato quelle fasce laterali di verde in anonimi marciapiedi e le case e le staccionate sono curate e dipinte e non ci sono più animali al pascolo.

Arriviamo a ROSTOCK alla sera in zona est del porto dove ci sono i vari parcheggi per l’imbarco. Ci confondiamo con i vari camper in partenza per HELSINKI ma (purtroppo) solo per dormire.

 

15 LUGLIO 2002 LUNEDI

Dormito bene, meglio un piazzale d’imbarco che una qualsiasi piazza di BERLINO.

Andiamo a ROSTOCK centro, ci sono grandi parcheggi in riva all’acqua ed altri più piccoli in centro comunque tutti a 1 €/h

Visitiamo il centro, la chiesa e tutta la zona pedonale. Si nota subito dalla forma delle case che siamo al nord. Molto simili a quelle olandesi. Il comune assomiglia molto alla piazza del mercato di LUBECCA.

Alla piazza del mercato ovviamente abbiamo fatto le classiche spese cretine che si fanno solo in ferie:

  • un sbattiuovo in miniatura
  • quattro pennelli per dipingere quadri
  • un buca salsicce
  • due ferma capelli
  • un mazzo di carte da gioco

Dopo queste folli spese ci spostiamo al molo per mangiare.

Si decide di visitare tutta la costa del mare dall’ OSTSEE al BALTIKSEE. Prima però facciamo GPL in un paese di nome ROVERSHAGEN sulla ss.105 (E22) che da ROSTOCK porta a RIBNITZ DAMGARTEN (0.51 €/lt).

Ci buttiamo sulla costa e procediamo per almeno 50 Km passando GRAAL, MURITZ, DIERHAGEN, WURSTOW, NIEHAGEN, WURSTROW, PREROW e ZINGST.

Mio consiglio personale, non andateci. Come camper puoi fermarti a caro prezzo solo a WURSTOW o a PREROW o a ZINGST dove poi mi sono fermato.

Dalla strada non vedi mai il mare, devi parcheggiare (1 €/h) e camminare sulle dune per arrivare al mare. I parcheggi sono molti ma tutti col divieto di sosta notturna. Il mare un po squallido, non più di 10 mt di arenile ottenuto a suon di piccole dighe molta la gente più o meno vestita (il costume non è obbligatorio), dato il vento forte non esistono ombrelloni ma poltrone con schienale molto alto e ricurvo che possono riparare sia dal vento che dal sole.

Il campeggio di ZINGST è nuovo (ancora in costruzione) ogni piazzola ha acqua, corrente, presa TV però 22€ sono tanti anche se le docce sono 2x2 mt con sedia, lavello specchio e musica new age di sottofondo.

16 LUGLIO 2002 MARTEDI

Partenza dal campeggio della penisola di ZINGST con obiettivo STETTINO in Polonia.

Torniamo in statale per BARTH e STRASLUND. Quest’ultima merita una tappa perché sia belle chiese che belle case. Purtroppo l’enorme traffico estivo non ci permette di vederla come vorremmo.

Non vado nella isoala di RUGEN perché immagino sia superaffollata da turisti quindi scendo in statale fino a GREISWALD per poi andare verso est a WOPLGAST e rifare ancora un po di costa di mare fino al confine polacco.

Il confine polacco di SWINOUJSCIE è solo pedonale. Non sto a spiegare la figuraccia che ho fatto quando sono arrivato alla barriera zigzagando tra le aiuole fiorite ed ho chiesto di alzarmi la sbarra mentre tutti mi guardano.

Marcia indietro per USEDOM, ma ad ANKLAM il ponte è rotto e non si passa. Ulteriore deviazione verso nord per cui alla 16.00 mi ritrovo sullo stesso crocevia di KARLSBURG che avevo passato questa mattina alle 10.

Arrivati a JARMEN scendo a sud passando per ALTENTREPTOW che merita di essere visitato e NEUBRANDENBURG altrettanto bello dove ci fermiamo per dormire in un bel parcheggio per camion e corriere nella zona sud vicino al KULTURAL PARK dopo aver attraversato tutta la citta portandorsi verso la ss.6.

Riassumento la giornata è stata un fiasco totale, 308 Km per vedere tanta campagna, tante fattorie, tanti campi di frumento e per non arrivare a STETTINO.

Belle invece le case di campagna col tetto di paglia originali e non rifatte come le avevo viste in BRETAGNA.

17 LUGLIO 2002 MERCOLEDI

Partenza per STETTINO via WOLDEGK e PRENZLAV autostrada 11 entrata 6 della BERLINO STETTINO.

A DEDELOW, 5 Km prima di PRENZLAU, uno strano supermercato che vende di tutto merita una visita e come al solito ne usciamo con le solite cretinate:

  • tre bicchieri alla tedesca forma di calice con gambo verde
  • olio motore per macchina
  • quattro morsetti angolari per cornici
  • ecc….

Imboccata l’autostrada, da fare a 60 Km/h per non distruggere il camper, arriviamo alla frontiera senza carta verde (ma non la chiedono) e velocemente passiamo. Al primo distributore troviamo la colonnina GPL con attacco italiano a 0.33 €/lt. Uscito dalla autostrada in STETTINO ne ho contati altri 6, conclusione: GPL no problem e quasi sempre a 1.1 zt (benzina a 3.51 zt e gasolio a 2.60 zt).

Per cambio come al solito alla frontiera e meno conveniente 1€=3,7zt mentre in citta 1€=4.0zt (non cambiate monete in ferro perché allora 1€=3.0zt)

Attenzione alla guida, i polacchi sono più garibaldini e non sempre rispettano la segnaletica.

Abbiamo girati STETTINO in lungo ed in largo. Ogni strada offre parcheggi gratuiti quindi se si vede una chiesa o un museo si parcheggia e si va a vederlo.

Nel complesso c’è poco da vedere ed i bei palazzi del centro avrebbero bisogno di un buon restauro.

Sotto uno dei ponti che attraversano l’ODER in via TRASA ZAMKOWA c’è un parcheggio a pagamento (2zt) per autobus e macchine custodito. Mia moglie a risposto che sotto i ponti vanno i barboni per cui mi sposto sulla darsena a sud in località DABIE dove c’è un campeggio (50zt = 13€).

In effetti devo prendere atto che:

  • come parcheggiavo ragazzotti di dubbio aspetto mi chiedevano 1€ e mi pulivano il parabrezza. Inutile contraddirli.
  • In cattedrale un altro ragazzo (ma erano in tre) mi si avvicina per vendermi una bustina che non credo sia sale da cucina
  • Ho visto qualche poliziotto, nel corso, che rincorreva dei ragazzi, chissà perché, non penso che giocassero a nascondino
  • Un paio di cabine telefoniche avevano il telefono ma non c’era la cornetta
  • Tutti i ragazzi (15-20 anni) sono rapati a zero

(forse mia moglie ha ragione)

Il campeggio trovato, ovviamente non vale i 50zt pagati, mi ricordo che negli anni 70 in yugoslavia sotto Tito c’erano servizi migliori, pensate che i rubinetti ed i castelli dei rubinetti erano saldati su una tondina di ferro per impedire che venissero rubati; lo stesso gestore ci ha raccomandato di chiudere tutto e di notte di portare dentro le sedie.

18 LUGLIO 2002 GIOVEDI

Partenza dal campeggio con l’obiettivo di raggiungere BRESLAVIA (WROCLAW) usando la E65, sono 350 Km di Polonia ovest tra boschi, pascoli, e tanti paesini che mostrano la vera immagine della Polonia nord/ovest.

Si passano paesini interessanti circondati da mura con bei portali di ingresso, ma si passano anche paesini di campagna dove non esiste l’asfalto nelle stade laterali con casolari di campagna ed aie che mi ricordano gli anni dell’infanzia, sembra che il tempo si sia fermato.

Le strade sono brutte, si deve guidare piano e spesso l’asfalto ha dei solchi, come rotaie, che vincolano la guida.

Scendendo verso sud le strade migliorano ed anche l’aspetto dei paesi. Nei grossi paesi, come GORZOW e ZIELONA e LUBIN ci sono dei supermecati come i nostri. La Polonia è stata invasa dagli IPER di marca francese (carefur, Auchan, Geant, Intermarchet) quasi tutti in costruzione, pochi quelli di marca tedesca.

Verso sera arriviamo a BRESLAVIA ed entriamo direttamente in campeggio prima di vedere la citta.

19 LUGLIO 2002 VENERDI

Al mattino visita della città. Si entra facilmente in camper fino al centro dove si parcheggia in qualsiasi posto, però, come in tutti i parcheggi si presenta l’omino per chiedere il pagamento del Ticket. Sono tutti parcheggiatori ufficiali con tanto di divisa comunale ed il parcheggio costa 3zt/h (1€/h).

In centro dove c’è il grande edificio del comune è tutto zona pedonale, comoda da visitare.

Ci spostiamo sull’isola in mezzo al fiume dove ci sono altre chiese da visitare poi ci si sposta in periferia per mangiare senza pagare il fatidico parcheggio.

Parcheggiamo in mezzo ad un gruppo di condomini (3-4 piani) vicino ad un parco giochi per bimbi. Il parco è bello, ci sono giostrine e vasche con sabbia. Ai condomini manca il 40% dell’intonaco, i portoni di ingresso hanno le vetrate rotte ed in molti le vetrate sono state sostituite da lamiera saldata, le scale penso non vedano la pittura da almeno 20 anni. Ogni balcone, e sono quasi 100, ha la sua personale antenna televisiva terrestre, molti hanno la parabola.

Tutto sommato BRESLAVIA fa una impressione più favorevole di STETTINO, che aveva deluso. Si tratta sempre di una grossa città dell’ est, purtroppo in gran parte distrutta durante la guerra ed ancora oggi in fase di ristrutturazione. Tutte le chiese visitate erano state ricostruite ed i pezzi migliori si trovano al museo di Varsavia.

Nel pomeriggio si ritorna nello stesso campeggio da 31 zt di ieri.

20 LUGLIO 2002 SABATO

Partenza da BRESLAVIA per DRESDA via autostrada fino a BOLESLAWIEC.

Il tratto LEGNICA BOLESLAWIEC a 40 Km/h in quanto il fondo (fatto di piastre di cemento) aveva buchi e dislivelli tra piastra e piastra anche di 5 cm. Ho notato dei cantieri di lavoro, speriamo.

Da BOLESLAWIEC andiamo ad ovest per ZGORZELEC, grosso posto di confine che comunque ci fa fare 45 minuti di coda.

Prima della frontiera spendo gli ultimi zloti facendo il pieno di GPL (che come ho detto si trova presso il 70% dei distributori di benzina) e comperando un paio di chili di carne . Qui la carne è buona e costa poco qualsiasi tipo va da 6 a 14 zt cioè attorno alle 6000 lire/Kg. In compenso il vino è caro, non meno di 10 zt a bottiglia per cui ricordatevi di fare scorta in germania dove nei supermercati trovate bottiglie da 1 a 2 € (non il migliore ma bevibile).

Passata la frontiera si continua in una meravigliosa autostrada alla quale non ero abituato dopo 4 giorni di Polonia.

Verso sera arriviamo in periferia di DRESDA e ci fermiamo a dormire nel parcheggio n.7 di PIRNA COPLIZ dove ci eravamo fermati anche all’andata.

21 LUGLIO 2002 DOMENICA

Per il rientro cambiamo itinerario e tempi, non in due giorni ma in tre, via REGENSBURG e non NORINBERGA senza tappa a MONACO.

Passato DRESDA per la seconda volta fila tutto liscio. Prendiamo l’autostrada 4 per CHEMINITZ e poi la 72 per NORINBERGA ma fino a PLAUEN sud perché in quella zona è in costruzione la nuova autostrada che da HOF porta a MONACO lungo la zona est. Questa risulta funzionante e nuova, si passa per WEIDEN e NABBURG. Qui ci fermiamo in un campeggio (13 €)

22 LUGLIO 2002 LUNEDI

Dal campeggio rientro in autostrada ma subito dopo (uscita 23) esco a SCHWARZENFELD per fare GPL a FENSTERBACH (5 Km a ovest) La ditta TYCZKA è troprio in strada a sinistra alla fine del paese (GPL a 0.55€/lt)

Si rientra in autostrada per MONACO passando REGENSBURG (che conosco bene per altri viaggi e che merita una visita).

A MONACO prendo l’anello interno R2 e seguo la indicazione E95 per GARMISCH. Prendo quella autostrada ma esco alla uscita n.5 per prendere la ss.11 per INNSBRUCK. Si passa una bella vallata con due grandi laghi . Passando per GERETSRIED approffitto per fare di nuovo GPL sempre alla TYCZKA a GERTSRIED-nord (prima uscita a sinistra venendo da nord) 100 mt dopo lo si vede sulla sinistra.

Comunque 5 Km dopo (c’è un bivio con la indicazione di campeggio) e c’è un distributore con la colonnina a GPL a 0.56 €/lt

Procedo lungo tutta la vallata che è molto bella, tipica tirolese ed arrivo in Austria senza accorgermi.

Decido di fermarmi in un campeggio a SEEFELD anche se non era necessario, per godermi il panorama, tanto domani siamo a casa.

Come al solito l’Austria si distingue per i sui prezzi (27 € senza corrente) ma anche per i suoi servizi (sauna compresa).

23 LUGLIO 2002 MARTEDI

Giorno di rientro. Procediamo verso INNSBRUCK percorrendo, alla fine della vallata, una discesa impressionante, 3 Km di pendenza al 16% com molte linee di fuga; questo è da tener presente in quanto questa vallata va bene per tornare a casa ma non per andare in germania, almeno per il mio camper a GPL.

Proseguo sempre per la statale 11 arrivo a INNSBRUCK e sempre segendo la statale mi trovo tranquillamente in italia senza pagare il Ticket autostradale e senza pagare il Ponte Europa.

 

 

 

RIASSUNTO DELLE SPESE SOPPORTATE in Euro

Gior Km carbur. market dormire extra

02/7 500 22.00 2.70 -- 28.60

03/7 482 46.50 -- -- 6.00

04/7 0 -- 8.10 -- 6.90

05/7 0 -- -- -- 29.00

06/7 100 20.00 5.00 3.00 9.20

07/7 62 50.00 -- 2.00 5.40

08/7 188 -- 12.00 17.00 4.00

19/7 0 27.00 0.50 18.00 --

10/7 158 -- -- 2.50 --

11/7 0 -- 8.40 2.50 5.00

12/7 66 -- -- -- 2.00

13/7 16 34.00 11.00 -- 26.00

14/7 256 -- 3.80 -- --

15/7 114 31.00 12.00 23.00 --

16/7 308 -- 21.00 -- --

17/7 142 21.00 30.00 14.00 8.00

18/7 377 18.00 4.60 8.5 2.80

19/7 34 -- 1.0 10.8 2.20

20/7 267 33.00 9.00 -- 2.00

21/7 312 -- -- 13.00 --

22/7 328 51.50 19.00 27.00 2.50

23/7 300 15.00 4.00 -- 11.00

tot. 4010 369.0 152.1 141.3 160.6 823.0

in % 44.8 28.5 17.2 19.5